Consumo aria compressa: l'importanza nel lifecycle cost del prodotto

Kaeser

consumo aria compressa

 

Quando si compra un’automobile, siamo tutti consapevoli che il prezzo di acquisto rappresenta solo una parte delle spese che dovremmo sostenere per utilizzarla: carburante, assicurazione, gomme, manutenzione, bollo, rappresentano alcune voci, più o meno nascoste, dei costi che affronteremo. 

Lo stesso concetto si applica a maggior ragione per gli impianti industriali, soprattutto quelli fortemente energivori come i sistemi di aria compressa.

Questi investimenti rappresentano acquisti chiave per le aziende, avendo un impatto significativo sui costi di produzione; una corretta valutazione di tutte le voci di costo diventa pertanto necessaria per validare la redditività dell’investimento nel tempo e non può logicamente limitarsi al solo confronto del prezzo di acquisto.

LEGGI ANCHE: "Ridurre i costi attraverso una corretta gestione energetica aziendale"

 

Consumo aria compressa: principali costi relativi ai sistemi di aria compressa

 

Sinteticamente, le principali voci di costo legate all’aria compressa possono essere elencate come segue:

 

  • Acquisto e assistenza compressori
  • Acquisto sistemi di trattamento aria compressa
  • Acquisto sistemi di raccolta e trattamento condensa
  • Costi di installazione compressori
  • Costi di installazione sistemi accessori
  • Costi di installazione dei sistemi di gestione
  • Costi energetici per la produzione aria compressa
  • Costi energetici per i sistemi di trattamento aria compressa
  • Costi di manutenzione ordinaria compressori
  • Costi di formazione del personale interno

Esiste un’ampia letteratura che dimostra oltre ogni dubbio come, per quanto riguarda l’aria compressa, i costi di consumo dell'energia elettrica siano nettamente i più importanti.

LEGGI ANCHE: "Controllo consumo aria compressa: averne di più risparmiando energia"

 

Cosa dicono gli studi sul consumo di aria compressa

 consumo aria compressa

Analisi di breve-medio termine (5 anni) inerenti gli studi di settore sul consumo dell'energia elettrica mostrano come la quota energetica valga oltre il 60% dell’intero bilancio economico, considerando produzioni su turno singolo (2000 ore/anno).

La quota di acquisto e manutenzione si assestano su valori analoghi e piuttosto bassi. Sulle produzioni continue (oltre 7500 h/anno) la quota energetica cresce ulteriormente, avvicinandosi alla quota del 90%, riducendo l’impatto dell’investimento iniziale.

Evidentemente, tanto più aumentano le potenze installate e il monte ore, tanto più la quota energetica diventa preponderante.

Non bisogna infine trascurare il fatto che questi studi si basano spesso su condizioni ideali e su fronti temporali relativamente brevi; molto più frequentemente, la vita dei compressori viene portata ben oltre i 10/15 anni e purtroppo non sempre in condizioni di uso e manutenzione ottimale.

Sono tutti fattori che rendono l’efficienza energetica il parametro chiave nella scelta di un sistema di aria compressa economico ed affidabile.

 

ottimizzare un impianto aziendale